LA SECONDA TRANSIZIONE DELL’OUTSOURCING

Un cambiamento di paradigma. È questo ciò che evidenza la ricerca condotta dal Censis e commissionata dal Gruppo De Pasquale dal titolo “La seconda transizione dell’Outsourcing”.

Lo studio dà una rappresentazione integrata e ottimistica delle scelte di esternalizzazione delle aziende italiane, un fenomeno che in Italia sta attraversando una fase di crescita e di cambiamento che gli attribuisce un ruolo sicuramente “più nobile” rispetto al passato. 

Oggi stiamo assistendo a una vera e propria transizione in cui le imprese che esternalizzano e quelle che decidono di acquisire la gestione dei processi – agevolate sicuramente dalla digitalizzazione che sposta il tutto su un livello di “ecosistema” – stanno modificando i propri rapporti di collaborazione e integrazione, generando opportunità per entrambe le parti in una logica win-win.

La relazione imprese-outsourcer

In questa seconda fase di transizione dell’Outsourcing, ovvero l’insieme di tutte le attività o i processi che imprese di varie dimensioni o enti affidano a terze parti sulla base delle diverse strategie di business perseguite, la ricerca Censis ha evidenziato come la qualità dei rapporti e delle relazioni fra imprese è diventato uno dei fattori più importanti in un contesto produttivo più complesso, più competitivo e più incerto. 

Il 38,7% delle imprese italiane afferma che la ricerca di nuovi mercati e nuovi clienti dà l’input per instaurare collaborazioni tra aziende. Il 36,1% lo fa per contenere i costi e il 22,9% per sviluppare innovazioni in termini di processi o prodotti. Non meno importanti questioni legate all’acquisizione di nuove competenze e tecnologie (19,1%) e alla flessibilità organizzativa (15%).

Questi dati ci mostrano un duplice aspetto: da una parte un orientamento outward- looking in cui le relazioni con altre imprese sono viste come opportunità di espandere il raggio d’azione cercando nuovi mercati e nuovi clienti, acquisendo nuove competenze, sfruttando il potenziale dell’innovazione tecnologica; dall’altra una visione inward-looking orientata all’ottimizzazione delle attività aziendali che fa leva sulla razionalizzazione dei costi, l’innovazione di prodotti/processi e l’incremento della flessibilità organizzativa.

L’Outsourcing orientato alle grandi aziende

Quando si parla di BPO si deve valutare anche l’impatto sull’utente finale.

L’indagine Censis, quindi, ha analizzato le modalità di accesso ai servizi inbound e outbound, la soddisfazione dell’assistenza ottenuta, l’attitudine dei servizi di contact center a risolvere i problemi della clientela, evidenziando un quadro completo degli aspetti positivi e degli elementi critici legati al Business Process Outsourcing.

Il 56,7% degli italiani è ben consapevole della presenza degli outsourcer che sono il punto di riferimento per la risoluzione delle loro richieste. I livelli di soddisfazione più alti si registrano nel settore bancario e assicurativo e, in generale, i servizi erogati attraverso i canali digitali sono quelli più apprezzati. La semplicità e la velocità sono fattori fondamentali al pari della capacità effettiva di risolvere il problema specifico, come anche le competenze degli operatori.

In conclusione, una riconsiderazione dell’Outsourcing come “approccio vantaggioso” alla gestione

«La ricerca conferma l’attenzione verso l’ottimizzazione dell’attività d’impresa, nell’accezione di razionalizzazione dei costi che ha sempre spinto il ricorso all’outsourcing, ma anche una crescente attenzione all’innovazione di processo, oltre che di prodotto, con l’obiettivo di mirare a un incremento continuo dei livelli di flessibilità e di adattabilità imposti dal mercato», ha commentato Denise De Pasquale, Presidente del Gruppo De Pasquale. «È su questo terreno che si misura la capacità del settore dell’outsourcing di continuare a crescere, giocando un ruolo di partner delle imprese negli ecosistemi che sempre più si stanno configurando, con un’offerta di servizi allineati ai processi di innovazione portati avanti dalle aziende clienti».

«Siamo entrati in una stagione nuova dell’outsourcing, in cui le aziende che esternalizzano e le aziende che acquisiscono la gestione dei processi stanno modificando i rapporti di collaborazione e integrazione, innalzando il potenziale di crescita per entrambe le parti, secondo una logica win-win», ha confermato Giorgio De Rita, Segretario Generale del Censis. «A questo punto, diventa essenziale osservare e analizzare l’evoluzione di questo settore che per vocazione riesce a trasferire e accelerare i processi di innovazione organizzativa sia nelle grandi che nelle piccole e medie imprese del sistema produttivo italiano».

Scarica la copia dell’Executive Summary

Read More

È online il sito di Sanmarco Consulting

Da oggi, è online il nuovo sito di Sanmarco Consulting, punto di riferimento tecnologico del Gruppo De Pasquale.

Sanmarco Consulting, con i suoi asset e le sue competenze tecnologiche, con la consulenza di processo, supporta tutti i servizi di Outsourcing del Gruppo.

È il dna tecnologico del Gruppo De Pasquale, potenziato con tutto il know-how e l’esperienza di trent’anni nel mercato dell’Outsourcing.

Un punto di riferimento nel percorso di innovazione

Il nuovo sito vuole dare a Sanmarco Consulting un visual coerente con i suoi valori e la sua mission, una maggiore visibilità più in linea con il suo ruolo di abilitatore di innovazione e componente fondamentale del valore aggiunto che ciascuna azienda del Gruppo trasferisce ai propri clienti.

In questo ruolo, aiuta le società del Gruppo ad affrontare nuove sfide, con prontezza e agilità, in sicurezza. Garantendo livelli di performance elevati e continuità di gestione.

Il dna tecnologico che alimenta il nostro Fattore Gruppo

Sanmarco Consulting contribuisce attivamente alla valorizzazione delle sinergie interne. Sinergie che sono alla base del Fattore Gruppo, il nostro tratto distintivo.

Visita il sito www.sanmarcoconsulting.com, potrai trovare questo e tanto altro.

Read More

La trasformazione digitale guida l’evoluzione dei business aziendali

Migliorare l’esperienza di acquisto e di after sales dei consumatori, semplificare le catene di approvvigionamento, utilizzare data analytics per migliorare la profilazione degli utenti e personalizzare l’offerta: sono solo alcuni esempi che attestano come la digitalizzazione sia pervasiva in ogni business.

A conferma di questo trend, il report di GlobalData “Enterprise Ict investment trends retail” rileva come oltre la metà dei responsabili ICT, nel settore vendita al dettaglio, abbia aumentato del 5% il budget destinato al digitale, un altro 28% di più del 6% rispetto al 2021.

Crescono gli investimenti insieme ai benefici per le imprese. Modalità di interazione contactless e virtuale hanno consentito di sostituire il contatto fisico durante la pandemia e, oggi, sono parte integrante dei modelli di business adottati generando risultati concreti e misurabili, anche in termini di personalizzazione dei servizi.

La trasformazione digitale richiede nuove competenze

Che la trasformazione digitale richieda competenze digitali è ben noto. Altrettanto noto è il gap di queste competenze tra domanda e offerta. 

Tuttavia, siamo in fase favorevole dal punto di vista delle iniziative pubbliche che, a più livelli, vanno in questa direzione e supportano imprese e pubbliche amministrazioni nel loro percorso, a partire dagli interventi del Pnrr per la digitalizzazione del Paese. 

C’è una Strategia Nazionale per le Competenze Digitali ed è appena partita la seconda fase del Piano Operativo che rientra nell’iniziativa Repubblica Digitale e si pone l’obiettivo di ridurre il divario digitale all’interno del Paese, favorendo la formazione di competenze specifiche riguardanti le tecnologie del futuro.

Quali, in concreto, le aree di intervento e gli obiettivi del Piano Operativo?

Le aree di intervento del Piano Operativo

Queste le 4 aree principali di intervento del Piano Operativo aggiornato:

  • Scuola 4.0 e innovativa, con didattica digitale integrata, formazione del personale scolastico sulla transizione digitale e nuove strutture 
  • Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, Reti Ultraveloci e Transizione 4.0
  • Incremento degli specialisti ICT mediante iniziative finalizzate all’orientamento, al re-skilling e all’upskilling
  • Inclusione sociale, con una rete di servizi di facilitazione digitale, politiche del lavoro e servizio civile digitali.

Numeri e obiettivi

Numeri alla mano, gli obiettivi del Piano Operativo sono i seguenti: innanzitutto abbattere l’analfabetismo digitale e diffondere le competenze digitali di base presso il 70% della popolazione entro il 2025

Ancora, promuovere e aumentare l’utilizzo dei servizi pubblici digitali fino a raggiungere, entro il 2025, almeno il 64% degli italiani. Azzerando tutte le tipologie di gap: gender, generational e territorial.
Obiettivi ambiziosi che si propongono di allineare l’Italia agli altri Paesi leader della UE.

Il nostro ruolo nel processo di digitalizzazione

La trasformazione digitale in corso, e l’approccio strategico che ne è alla base, rispecchiano la vision del nostro Gruppo che tende a seguire 2 direttrici:

Investire in conoscenze e competenze, sviluppandole e traendone il massimo valore
Migliorare i processi aziendali grazie al supporto tecnologico, all’esperienza e alle competenze delle persone.

Competenze tecnologiche e digital mindset sono priorità fondamentali per tutte le realtà del Gruppo De Pasquale. La ragione è assolutamente chiara: per poter supportare, con i nostri servizi di outsourcing, il cambiamento in corso nelle aziende clienti, dobbiamo cambiare anche noi. E la digitalizzazione è la chiave di questo cambiamento, nostro e dei nostri clienti.

Read More

Forum Ambrosetti 2022: priorità e proposte in tema di digitale

Si è appena concluso a Cernobbio il Forum Ambrosetti 2022, “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”, e l’adozione del digitale è stata al centro del dibattito.

Nella tre giorni di Villa d’Este sono accorsi, come ogni anno dal 1975, protagonisti del mondo imprenditoriale, politico e istituzionale provenienti da tutto il mondo.

Al tavolo del dibattito sono stati portati, tra gli altri, i risultati di una survey che ha avuto come interlocutori le imprese e come obiettivo quello di raccogliere e sondare i loro orientamenti in tema di adozione del digitale.

Le priorità in agenda, in tema di digitalizzazione

Tra i principali risultati della survey, sono emersi i seguenti:

 il Cloud come tecnologia chiave nei processi di trasformazione digitale delle aziende;

 la mancanza di una cultura digitale come principale ostacolo al percorso di trasformazione digitale, ancor più che aspetti finanziari e tecnici;

 la maggioranza delle imprese (il 73%) considera il digitale come abilitatore principale di innovazione, sia internamente che a livello di filiera;

 solo il 20% delle aziende è pienamente soddisfatto delle politiche pubbliche a sostegno del digitale, ma l’85% di esse si dimostra molto fiducioso relativamente all’impatto che avrà il PNRR.

Orizzonti e proposte

Quali orizzonti? Alla luce dei dati emersi, sono state identificate alcune proposte di intervento per promuovere l’ampliamento e lo sviluppo di un ecosistema digitale e per accelerare l’innovazione e la crescita del Paese.

Queste le tre priorità individuate:

1) Accrescere il Capitale Umano Digitale, adottando un approccio sistemico che coinvolga istituzioni, imprese, associazioni di categoria e lavoratori per colmare il gap nelle digital skill del Paese;

2) Dotarsi di una politica industriale del digitale, estendendo il piano “Italia Digitale 2026” destinato alla Pubblica Amministrazione al sistema produttivo, così come avviene già in altri paesi europei;

3) Continuare a implementare il PNRR, rispettando le scadenze concordate con la CE per accedere alle risorse necessarie a finanziare investimenti di rilancio del Paese.

L’innovazione che può supportare la crescita del sistema produttivo passa certamente dalla digitalizzazione, che richiede infrastrutture, competenze e cultura digitale.

Read More

La sinergia alla base del nostro Fattore Gruppo

Il valore aggiunto che contraddistingue il nostro modo di fare outsourcing è il Fattore Gruppo.

È anche il valore aggiunto che il Gruppo De Pasquale offre alle aziende clienti.

Ma cos’è nella sostanza?

E’ la capacità di soddisfare esigenze diverse, di aziende che operano in mercati differenti, con un approccio comunque customizzato. Un approccio unico ma che si adatta alle particolarità di ogni singola azienda.
E’ la capacità di farlo garantendo professionalità, esperienza e know-how di alto livello. 

Questo significa avere un range di competenze ampio e diversificato.
A rendere possibile tutto questo è la sinergia di quattro aziende: Sint, Winflow, Sanmarco Consulting e PLF.

image

ll nostro approccio distintivo

Ciascuna realtà confluisce nei meccanismi dell’intero Gruppo e diventa complementare alle altre, creando un valore aggiunto che viene poi trasferito ai clienti.

Il Fattore Gruppo crea competitività, mettendo insieme sinergicamente risorse e specializzazioni, esperienze sul campo e approcci innovativi, in diversi settori.

L’approccio del Gruppo e delle sue aziende è sempre analitico, razionale, concreto. Ciascuna azienda aggiunge valore alle altre, pur mantenendo la propria specificità.

Un valore aggiunto a beneficio delle imprese

A distinguerci è la capacità di mettere a fattor comune le specificità, gli asset di ciascuna azienda accrescendone il valore.

Questo apre la strada a molte più opportunità, crea nuove prospettive e permette al Gruppo De Pasquale di proporsi come partner che possa davvero contribuire a migliorare la competitività delle aziende, in diversi settori.

Questo è il Fattore Gruppo

Read More

Gruppo De Pasquale: un nuovo look, i valori di sempre

Quarant’anni di presenza sul mercato, valori forti e specializzazione nel settore dell’outsourcing.

Una tradizione solida, tutta italiana, costruita sulle persone e sulle loro competenze.

Un’etica aziendale votata alla responsabilità, alla trasparenza e alla concretezza.

Un approccio ambizioso, una mentalità aperta al nuovo e una vision che ha sempre guardato oltre.

Il Gruppo De Pasquale è una realtà di riferimento nel mercato italiano dell’Outsourcing, ha aiutato numerose aziende a crescere e a diventare più competitive.

Ha supportato cambiamenti, suggerito trasformazioni, creato valore per le aziende clienti, per i partner e per la comunità.

In un contesto complesso e incerto come quello attuale, l’unico modo per dare continuità alla propria mission – supportare le aziende affinchè siano più competitive –  è abbracciare il cambiamento e avere il coraggio di prendere il timone della propria trasformazione.

E non solo, questa è anche l’unica strada per continuare a dare opportunità di crescita alle persone, priorità costante del Gruppo De Pasquale.

Il restyling come simbolo di un rinnovato impegno verso i partner e le proprie persone

Il Gruppo De Pasquale ha deciso di “affrontare” un restyling per dare coerenza estetica ai propri intenti di trasformazione, evoluzione e sviluppo. Lo ha fatto cambiando il logo e il sito web.

Per la costruzione della nuova identità ci siamo concentrati sui valori e sui principi che contraddistinguono il brand, la sua Vision e la sua Mission, focalizzandoci su quattro concetti chiave:

Trasparenza – Concretezza – Rispetto – Futuro

L’insieme di questi importanti punti di riferimento ci ha dettato le linee guida per la realizzazione della nuova immagine coordinata.

Innanzitutto il monogramma, sviluppato utilizzando le iniziali ‘’D’’ e ‘’P’’, nel quale l’elemento D abbraccia e ingloba la lettera P, un simbolo che mostra e rivela la forza e la sinergia del Gruppo.

image

La scelta del colore principale è ricaduta su un elemento che potesse catturare la trasformazione in corso nell’attuale contesto economico-sociale.

Per questo abbiamo scelto il VERY PERI, pantone dell’anno 2022, per comunicare una Vision orientata al futuro e anche il senso di cambiamento che il Gruppo sta intraprendendo con fiducia e con senso di responsabilità.

image

Un ponte verso il futuro

Guardare al futuro seguendo questa prospettiva, ambiziosa e decisa, è una sfida complessa ma stimolante, alla quale non vogliamo sottrarci.

Anzi, vogliamo affrontarla con rinnovato impegno, con rinnovata fiducia e, da oggi, anche con un nuovo look.

Read More